raccolta di unità di apprendimento liberamente condivise dagli insegnanti

Accendi una luce!

getty_rm_photo_of_turning_on_light

Rispetto all’approccio tradizionale, in cui ragazzi assistono ad una lezione frontale o guardano un’altra persona dimostrare un esperimento, con questa metodologia, sono loro stessi invitati a costruire la loro conoscenza, discriminare le informazioni utili e sperimentare in prima persona un’invenzione. Diventano così protagonisti e responsabili del loro apprendimento.

Nella prima parte dell’unità di apprendimento viene applicata una metodologia simile alla Learning Together in cui gli allievi in gruppo discutono e costruiscono prima uno schema di sintesi delle informazioni utili e successivamente un prodotto collettivo.

Nella seconda parte dell’UdA viene utilizzata la metodologia della Peer Instruction, apportando al metodo di Eric Mazur alcune modifiche: gli alunni sono chiamati a confrontarsi in piccoli gruppi sui risultati ottenuti durante la sfida, seguendo la scaletta indicata dall’insegnante, in modo da consolidare i concetti generali. È stata inoltre sostituita la breve introduzione da parte dell’insegnante, con lo svolgimento della prima parte dell’UdA.

Un altro aspetto positivo di questa tipologia di UdA, che differisce dalla classica lezione frontale, è il fatto di “ricreare” l’invenzione, è vero che gli alunni possono trovare in internet le istruzioni dettagliate su come costruire le pile, ma il fatto di ritrovarsi nella scatola materiali leggermente diversi da quelli che trovano nei video o negli articoli proposti loro dall’insegnante e il fatto di avere poco tempo per poter costruire il prodotto richiesto, li costringe a trovare soluzioni alternative e soprattutto capire con esattezza come funziona l’apparecchio che devono realizzare, immedesimandosi un po’ nell’inventore originale.

Allegato:

 
Similar posts
  • L’effetto Joule L’effetto joule è un argomento molto difficile per gli alunni  in quanto è un concetto astratto, che non si può osservare. Nella didattica tradizionale verrebbe introdotto partendo direttamente dal concetto generale descritto con la formula:   P = R *I² dove R è la resistenza del conduttore, I l’intensità di corrente che in esso fluisce e [...]
  • Il Risparmio Energetico Nell’approccio tradizionale l’apprendimento avviene attraverso la trasmissione frammentata della conoscenza da parte dell’insegnante che risulta essere il fulcro dell’attività didattica. Lo studente è un ricettore passivo ed il gruppo può essere un fattore di disturbo. L’apprendimento è di tipo individuale e finalizzato ad acquisizioni generali e astratte. Nell’approccio “flipped” attuato l’apprendimento è un processo di [...]

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

PER TRARRE ISPIRAZIONE: a chi volesse approfondire la metodologia didattica proposta in questo sito consigliamo la lettura di Cecchinato G. & Papa R. (2016). Flipped classroom: un nuovo modo di insegnare e apprendere. UTET, Torino.

Cerca per materia: